Bassi: “Con Ozzano una test molto importante. Dovremo essere bravi a restare calmi nei loro momenti migliori”

La San Giobbe Chiusi è dentro al momento più intenso di questa prima parte di stagione, la vittoria complicata con Firenze ha aperto il ciclo di partite ravvicinate, che continueranno domani, mercoledì 10 febbraio ad Ozzano alle 19.00, (recupero della quinta di andata) e poi domenica 14 a Cecina. Contro la All Food Enic, una partita sofferta, risolta dopo aver rincorso per buona parte dei minuti a disposizione, negli ultimi cinque: “E’ stata una gara tirata – il commento di Coach Bassi in conferenza stampa -, abbiamo sofferto tanto, non siamo stati brillanti per tutti e quaranta i minuti. Il merito va dato a Firenze che ha giocato una partita gagliarda, tosta e di qualità. Noi non possiamo pretendere di essere sempre al massimo, fortunatamente abbiamo un roster abbastanza profondo che ci permette di pescare giocatori protagonisti per una sera, anche se spesso sono gli stessi. Abbiamo cambi che ci permettono, bene o male, di trovare le cinque persone che funzionano. Il grande segnale è che i minuti migliori hanno coinciso con il momento decisivo della partita. Significa che la squadra è compatta, che ha bene in testa quello che vuole fare e che comunque, anche in una serata non eccezionale, è riuscita a portare due punti a casa”.

Un giorno di riposo e poi subito testa al recupero della quinta giornata di andata, la trasferta di Ozzano, che non fu giocata lo scorso 6 gennaio, per alcuni casi di positività nella formazione emiliana: “Non è stato semplice preparare la partita in due giorni soli – continua Bassi; Ozzano è una squadra molto bene allenata e molto organizzata nonostante la giovane età. Ci siamo concentrati tanto sulle loro caratteristiche individuali e sulle cose che loro fanno bene e ci dovremo affidare al lavoro fatto in questi mesi che andrà addirittura migliorato in campo. Ozzano è una squadra che ha grande valore, giocano con tanto entusiasmo, con tanta aggressività, sono profondi perché sono dieci, se non undici giocatori che possono giocare, compreso Lolli un ragazzo giovane che ha fatto qualche minuto con Cecina. Nonostante siano una squadra con un’età media molto bassa, sono molto organizzati sia offensivamente che difensivamente, hanno grande atletismo e tanta energia. Non dovremo dargli troppo campo aperto, perché diventerebbero complessi da affrontare e dovremo cercare, nei loro momenti migliori, di resistere per poi imporre le nostre qualità”.

Poco spazio per il recupero fisico, ma dal punto di vista fisico la squadra è uscita bene dalla trasferta di Firenze e dai due giorni di allenamento: “Dal punto di vista fisico stiamo abbastanza bene – prosegue il Coach della San Giobbe -, è chiaro che il turno infrasettimanale è sempre un’incognita per questi campionati, però stiamo bene. Bortolin è molto vicino al rientro per domani deciderò all’ultimo, ma è molto più facile che lo porterò a Cecina. Con Ozzano molto probabilmente porterò gli stessi di Firenze”.

Tra i dodici convocati con la All Food Enic il giovane David Kiss, classe 2002 di origine ungherese. Kiss con passato nelle giovanili della Reyer Venezia, è stato aggregato alla prima squadra della San Giobbe nell’ultima settimana: “Con David ci stiamo conoscendo – racconta Bassi -, è chiaro che si deve inserire ma è un ragazzo con tanti centimetri e buone attitudini, oltre ad essere bravo dal punto di vista umano. Sicuramente darà una grande mano a tenere alto il livello degli allenamenti, poi per il campo vedremo”.

Infine il capo allenatore di Chiusi torna sulla partita con Ozzano: “Domani sarà delicata perché loro vengono da una brutta sconfitta casalinga, una partita che avevano praticamente vinto e poi invece hanno perso quindi vorranno rifarsi. Sarà una partita molto atletica, molto fisica, loro corrono tanto, cambiano, aggrediscono e pressano, dovremo essere bravi a rimanere calmi contro queste qualità e superando i momenti difficili per poi cercare di imporci. Ozzano è una squadra che a me piace molto quindi per noi sarà un grandissimo test, di quelli da prendere con le molle. Servirà la Chiusi migliore”.