Contro Firenze la prima di tre partite in otto giorni. Bassi “Sarà una sfida difficile”

Inizia domani il primo ciclo terribile nella stagione della San Giobbe Chiusi. Una serie di tre partite ravvicinate che in otto giorni porteranno la formazione senese a giocare tre volte lontano da casa. Sarà un tour de force per i chilometri senza dubbio, ma anche per le ridotte possibilità di fare allenamenti e preparare al meglio le partite. Un antipasto di quello che potrebbero essere i playoff, ma anche la seconda fase della stagione regolare che partirà dal prossimo 21 marzo.

“La partita di sabato è stata preparata con i tempi più o meno classici della settimana, abbiamo avuto un solo giorno in meno – il commento di Coach Bassi in conferenza stampa. Dopo Firenze avremo domenica come giornata libera e poi da lunedì penseremo ad Ozzano, partita che dovremo preparare in due giorni. Questo discorso varrà anche per la trasferta di Cecina”.

Come detto, il primo appuntamento sarò sabato 6 febbraio contro All Food Enic Firenze, sfida valevole per la terza giornata di ritorno del girone A2. Firenze, già affrontata e battuta due volte negli scorsi mesi (la prima, all’esordio in SuperCoppa Centenario, la seconda all’andata) viene dalla sconfitta contro la capolista San Miniato, ma è in un buon momento di forma.

“Troveremo una squadra che molto probabilmente recupererà Passoni, un giocatore importante per questo campionato – prosegue il capo allenatore di Chiusi. Firenze è un avversario che ha qualità ed esperienza e che ha, tra le varie individualità, uno dei giocatori più forti del campionato di Serie B, ovvero Poltroneri. Ma non dobbiamo dimenticare gli altri, che hanno dalla loro grande atletismo e fisicità e che sono molto forti a rimbalzo. Una squadra che potrà metterci in difficoltà, in una partita che sarà assolutamente da approcciare bene e con grandissima compattezza. Noi non prendiamo sotto gamba nessuno, portiamo massimo rispetto per tutti come è giusto che sia e perché lo sentiamo. Firenze è sicuramente in un buon momento, ma la cosa non mi stupisce. Hanno giocatori di esperienza e di qualità e di conseguenza possono fare dei risultati ottimi. Sarà una partita difficile”.

Settimana diversa rispetto alla precedente. Tutti i giocatori hanno preso parte agli allenamenti, con gli acciaccati pienamente recuperati o comunque molto prossimi al totale recupero.

“La squadra sta abbastanza bene, anche Lombardo, dopo i problemi della scorsa settimana è sulla via del rientro al 100% e contro Firenze quasi sicuramente ci sarà – spiega Bassi. In questi giorni si allenato con il gruppo Bortolin che non verrà convocato per Firenze, ma che è vicino al rientro in campo. C’è da capire quando con questa serie di partite ravvicinate, ma il fatto di avere Giarelli che può farne le veci ci dà la tranquillità di aspettare fino quando saremo sicuri del suo apporto”.

Infine un commento sulla vittoria di settimana scorsa e alla grande prestazione di Criconia.

“Contro Empoli, sette giorni fa, abbiamo fatto venti minuti discreti nella seconda parte, con loro che invece hanno fatto molto bene nella prima. Nella ripresa siamo cresciuti molto difensivamente, abbiamo mosso la palla meglio, cosa che non siamo stati in grado di fare nel primo tempo e quindi abbiamo preso il margine che è stato poi decisivo. Martino sta facendo molto bene, si sta allenando con intensità ed è un ragazzo al quale non manca niente per fare bene in questo campionato – conclude Bassi. Se prende consapevolezza dei propri mezzi è un giocatore di spessore per la categoria. Vedrò se farlo partire in quintetto, ma come dico sempre sono più importanti gli ultimi cinque rispetto ai primi”.