San Giobbe Chiusi pronta a tornare sul parquet per il rush finale

Archiviato il turno di riposo in campionato, sono ripresi gli allenamenti per la San Giobbe Basket Chiusi, in vista del ritorno sul parquet previsto per sabato 1 febbraio ancora in trasferta contro Montale. Quella contro i pistoiesi sarà l’ultima partita del ciclo terribile esterno del mese di gennaio, periodo che ha fortemente condizionato la stagione chiusina. Due sconfitte in questo avvio di 2020 su altrettante sfide fuori casa e conseguente avvicendamento in graduatoria: sorpasso da parte della Virtus Siena in vetta alla classifica e aggancio al secondo posto ad opera di ben tre formazioni. Per questo, il turno di riposo, che è coinciso con la visita alla Reyer Venezia, realtà a capo del gruppo di cui fa parte la San Giobbe Basket, è servito alla dirigenza della squadra senese per fare il punto della situazione. 

“La squadra dovrà evolvere nel gioco e nell’approccio in vista della parte finale del campionato, oltre a trovare unità nei momenti difficili. – queste le parole della dirigenza chiusina con Giuseppe Trettel e Marco Cortellessa in testa – Le prossime partite dovranno essere la prova per i playoff. È normale perderne alcune, quello che è importante è tirare fuori il massimo per arrivare al meglio alla fase ad eliminazione diretta. Da adesso in poi ogni incontro deve essere inteso come una finale”.

Come detto la pausa forzata nel campionato di serie C Gold Toscano è stata riempita con la visita a Mestre per seguire la partita tra la formazione di casa e la Virtus Bologna. Lo stare a contatto con la Reyer e con la realtà del campionato della massima serie nazionale, è servito a ribadire quelle che sono le intenzioni della squadra.

“La San Giobbe Chiusi è parte integrante del progetto Reyer, quindi l’ambizione è di essere protagonisti. – proseguono i dirigenti chiusini – La prima parte del campionato è stata importante, escluse le ultime due battute d’arresto. Conosciamo il valore della squadra e sappiamo che se la può giocare fino in fondo. Questo deve essere il mantra, per arrivare a lottare per grandi obiettivi alla fine della stagione”.

Infine, corroborata anche dalla presentazione all’interno del Pala Taliercio di Mestre prima della partita tra Reyer e Virtus Bologna, nella quale è stato illustrato tutto l’ambizioso progetto, la dirigenza della San Giobbe si è espressa sulla volontà di continuare a puntare nella provincia di Siena, in riferimento ad un articolo uscito qualche giorno fa sulla Gazzetta dello Sport, che parlava di uno spostamento della squadra a Firenze.

“Tutte le voci che sono uscite non sono vere. Il nostro obiettivo è sicuramente crescere a Chiusi e con questa realtà. Se l’idea fosse stata quella di sviluppare il progetto in un’altra città, sicuramente sarebbe partito fin dall’inizio altrove”.

Leave a Reply